Catania Calcio niente programmazione
Pubblicità

Il Catania sta diventando un ricovero per ex Calciatori in procinto di pensione e c’è molta confusione anche da parte del mister.

Quando si parla di programmazione sportiva nel calcio, si pensa ai giovani. Serve anche qualche giocatore di “esperienza” per aiutare questi giovani a crescere, ma a Catania si è esagerato.

Il mio pensiero

Sia Chiaro. Nessuno ha mai preteso o chiesto di vincere il campionato a mani basse. Abbiamo atteso tante partite, nella speranza che prima o poi venisse fuori il carattere della squadra ed il gioco del mister.


Nonostante ciò, partita dopo partita assistiamo ad un NON gioco. Assistiamo a partite dove i protagonisti (i calciatori) non sanno cosa fare con la palla tra i piedi. Vediamo sempre la solita difesa a 3 che diventa a 5 con due esterni come Calapai e Pinto o Zanchi e Albertini, che non sono di certo giocatori offensivi.


Che senso ha giocare con una difesa a 3 o a 5 se poi non riesci a costruire un gioco che ti porti al tiro in porta? Cosa dobbiamo difendere?


Se vogliamo sperare di affrontare i playoff dicendo la nostra, serve un cambio di rotta, nel gioco e nella mentalità. Altrimenti ci dicano di non aspettarci nulla dai playoff, di smettere di credere, di sperare così ci rassegniamo.

La partita Catania – Teramo

In merito alla partita contro il Teramo…abbiamo affrontato una squadra scarsa, ma ben messa in campo. Avessero avuto più qualità in avanti ieri il Teramo avrebbe potuto segnare almeno altri 2 gol.


Non vogliamo vincere tutte le partite, ma almeno vogliamo giocarle. E non serve mettere dentro 8 attaccanti gli ultimi minuti per provare a pareggiare. Servono costruzione e idee.

La rosa, il mercato di Gennaio e scelte dubbie.

Ho iniziato questo articolo parlando di programmazione e giovani. A gennaio, durante il mercato di riparazione, abbiamo lasciato partire i nostri giovani (giusto o sbagliato non possiamo saperlo non conoscendo le dinamiche interne) e abbiamo preso:

  • Giosa 37 anni
  • Sales 33 anni
  • Russotto 32 anni (l’unica nota positiva fino ad oggi del mercato di riparazione)
  • Di Piazza 32 anni
  • Volpe 23 anni l’unico acquisto Giovane, ma rotto.

Che aggiunti a giocatori come Claiton(36 anni), Reginaldo(37 anni) ed Izco(38 anni) su tutti, già presenti nella rosa del Catania da giugno non migliorano di certo l’età media della squadra.

Altra cosa strana, fatta eccezione per Mariano Izco, è la durata del contratto. Tutti i calciatori del Catania acquistati a titolo definitivo, hanno un contratto in scadenza a giugno 2022(escluso Vrikkis, il più giovane del gruppo, che va in scadenza nel 2021).

Tornando quindi alla programmazione…cosa puoi programmare con calciatori come Giosa e Reginaldo? Che poi non credo nemmeno abbiano un ingaggio basso.

Non sarebbe stato meglio liberare dei posti in rosa e lanciare qualche giovane di belle speranze? (Tipo Arena ad esempio, o tenere in rosa Noce se proprio non c’erano fondi)

Siamo proprio sicuri che il monte ingaggi del Catania sia molto più basso di quello dello scorso anno?

Abbiamo più volte sentito l’elenco di tutti i problemi del Catania. Lo si fa ad ogni intervista, ogni conferenza pre e post gara. Adesso vogliamo le soluzioni, non i problemi!

Per oggi sono stato troppo duro, me ne assumo le responsabilità. Ma non possiamo passare un campionato dove ad un certo punto si poteva alzare l’asticella a dire sempre GRAZIE SIGI.

Grazie per le 2 umiliazioni nei derby, grazie per le brutte partite fatte di lanci lunghi ad occhi chiusi…

Lo sapevate sin dall’inizio che non era facile e che siamo sempre il Calcio Catania e bisogna fare un campionato dignitoso.

Forse c’è ancora tempo per salvare il salvabile, ma serve un cambio di passo in Campo, in attesa del closing.

Seguici sui nostri social ed iscriviti al Canale Telegram Immatricolati

Di Damiano Sparti

Appassionato di strategie di web marketing e comunicazione. Dedica anima e cuore a ciò che fa continuando sempre a studiare ed aggiornarsi. L'amore per il Catania lo porta ad unire quanto appreso in questi anni a livello professionale alla passione per i colori RossoAzzurri.

Lascia un commento a questo Post: